Le cinque cose che cambieranno nella comunicazione del gioco nel Regno Unito

http://behindthequest.com/talysop  

Si chiama Committees of Advertising Practice ed è il garante che vigila sugli annunci e gli spot pubblicitari del Regno Unito. E ha annunciato una normativa nuova per quanto riguarda il comparto gambling. Leggi tuttoviagra “Le cinque cose che cambieranno nella comunicazione del gioco nel Regno Unito” buy viagra online

Lotta al gioco patologico, l’esempio di Piacenza

canadian pharmacies online Secondo quanto emerge dagli ultimi dati Istat sono oltre 12 milia gli italiani in cura per ludopatia. Un numero, però, che non deve essere preso come valore reale: gli esperti ne parlano infatti come punta di un’iceberg che non restituisce, in maniera veritiera, il vero spaccato sui giocatori compulsivi. Leggi tuttoonline levitra “Lotta al gioco patologico, l’esempio di Piacenza”

In arrivo una nuova legge sul gioco

canadian pharcharmy “È in fase di ultimazione la predisposizione di un disegno di legge delega per il riordino complessivo del settore dei giochi che punta a definire un quadro di regole chiare e precise per il gioco ed a rafforzare la tutela della salute del giocatore”. Parola di Massimo Bitonci, sottosegretario della Lega all’Economia, in VI Commissione Finanze alla Camera, che ha annunciato i lavori per un nuovo disegno di legge delega, da pubblicare entro il 2019. Leggi tutto “In arrivo una nuova legge sul gioco” http://mdhta.com/gavamuda

Gioco patologico, Guerreschi (Siipac): “servono più formazione ed informazione”

Le politiche dei divieti e basta non portano i loro frutti in nessuno di questi casi e molto impegno però sia già stato speso per contrastare il gioco d’azzardo mentre come dimostrano le cifre poco è stato fatto negli altri casi. Il nostro auspicio è che si intensifichino le campagne di informazione e che molto di più si possa investire sulla formazione di operatori e personale dei vari settori interessati così come nella cura“. Leggi tutto “Gioco patologico, Guerreschi (Siipac): “servono più formazione ed informazione””